Credito Agevolato per Aziende - Paghe e Contributi Sesto San Giovanni, Commercialista, Contabilita', 730, Unico, Isee, F24, Imu, Tasi, Privati, Aziende, Rigi Servizi, anche a Milano.

Sesto S. G.(MI) - Via Magenta 34 (MM1 Sesto Rondò)
Milano – Via Amadeo D’Aosta 8 (MM1 Lima)
segreteria@rigiservizi.it
    CAF UFFICIO AUTORIZZATO     
Vai ai contenuti
Servizi > CREDITO AGEVOLATO

Serizi
Credito agevolato per aziende / Fondo di Garanzia M.C.
Credito Agevolato per Aziende

Credito agevolato per aziende / Fondo di Garanzia M.C. , Credito Incassa B2B Finlombarda, Ministero Sviluppo Economico (MISE) Nuova Sabatini e Finanziamenti con garanzie Eurofidi e ItaliaComfidi (Consorzi di garanzia a sostegno del credito concesso alle PMI)

Fondo di Garanzia – Intervento pubblico di garanzia sul credito delle PMI


La congiuntura, ormai arrivata ad una fase critica per il mondo imprenditoriale, ha portato il sistema bancario ad una drastica riduzione dell’erogato anche nei confronti di quelle imprese i cui Rating sono ancora accettabili. Vale a dire che a parità di Rating, oggi, il sistema bancario ha contratto il monte affidamenti anche in presenza di aziende meritevoli. Il ricorso, quindi, al Fondo di Garanzia è una tutela concreta per il ceto bancario che verrebbe a trovarsi così garantito da una Garanzia Pubblica a prima richiesta.

In sintesi:

  • Il Fondo di Garanzia è un’agevolazione del Ministero dello Sviluppo Economico che può essere attivata solo a fronte finanziamenti concessi da banche, società di leasing o altri intermediari finanziari a favore delle PMI.
  • Il Fondo di Garanzia per le PMI, favorisce l’accesso alle fonti finanziarie delle piccole e medie imprese mediante la concessione di una garanzia pubblica.
  • Le aziende che possono accedere al Fondo devono avere meno di 250 addetti, avere un fatturato inferiore a 50 mln di euro e un capitale investito non superiore a 43 mln di euro.
  • Le aziende a loro volta non dovranno essere in condizioni finanziarie precarie e devono essere in grado, a prescindere dalla garanzia assumenda, di rimborsare il finanziamento sottostante.
  • Il Fondo garantisce qualsiasi operazione finanziaria - di qualsiasi durata - a favore di tutte le piccole e medie imprese (ad eccezione di quelle artigiane e di quelle operanti nell’agricoltura e nei settori “sensibili” esclusi dall’UE: cantieristica navale, industria automobilistica, ecc.). In questo ambito sono comprese anche Start Up e imprese che vedono una prevalenza gestionale e azionaria femminile (Agevolazioni per l’Imprenditoria Femminile).
  • La misura della garanzia è fissata al massimo nel 80% del finanziamento; il Fondo garantisce per singola impresa un importo massimo di 2,5 mln di euro, plafond utilizzabile anche in più operazioni. Il limite fissato, si ricorda, si riferisce solo e soltanto al limite garantibile da parte del Fondo, mentre l’operazione di finanziamento sottostante concessa dalla banca non ha limite alcuno.
  • L’operazione tipica che attualmente si prospetta al sistema bancario ricomprende: consolidamento debiti, nuova finanza chirografaria, investimento tecnologico, scorte, credito a breve, anticipazioni commerciali.
  • La peculiarità, a favore delle imprese, è che sulla quota parte garantita del finanziamento, garantito dal fondo, non possono essere acquisite garanzie reali, assicurative o bancarie.
  • Le banche beneficiarie della garanzia pubblica possono così costituire riserve e accantonamenti più esigui rispetto a quanto avrebbero accantonato normalmente e questo fenomeno partecipa inoltre a migliorare gli indici di bilancio della banca stessa.
  • Le imprese, conseguentemente, grazie alla Garanzia Pubblica, possono accedere al credito, senza dover ricercare onerose garanzie da porre a favore degli Istituti eroganti, cosa che avrebbero dovuto costituire in assenza del Fondo di Garanzia.


REGIONE LOMBARDIA – FINLOMBARDA CREDITO IN CASSA B2B

2 linee di intervento:

- Sottomisura A – Liquidità alle MPMI

- Sottomisura B – Liquidità alle grandi imprese


SOTTOMISURA A Beneficiari Micro, piccole e medie imprese con sede legale e/o operativa in Lombardia, attive, iscritte nel Registro Imprese, appartenenti ad uno qualsiasi dei settore di attività Ateco 2007, ad esclusione del codice K “Attività finanziarie ed assicurative”.

Caratteristiche intervento Sottomisura A (il più comune)

L’intervento finanziario è costituito da una Linea di Credito concessa dall’intermediario finanziario aderente all’iniziativa e da una garanzia. La linea di credito può avere una o più delle seguenti forme:

- Anticipo per operazioni di factoring (solo pro-solvendo);

- SBF; - Anticipo su fatture;

- Altri anticipi su effetti;

- Sconto di portafoglio commerciale;

- Finanziamento a fronte di cessioni di credito;

- Anticipi su crediti futuri connessi con operazioni di factoring.


La concessione potrà riferirsi all’apertura di una nuova Linea di credito o al rinnovo di una linea preesistente. La linea di credito potrà essere utilizzata dal beneficiario esclusivamente per garantire lo smobilizzo di crediti commerciali maturati, ma non scaduti, o maturandi vantati nei confronti di altre imprese, ad esclusione degli enti locali.

La garanzia è resa disponibile da Finlombarda e copre l’80% del valore della Linea di Credito. E’ prestata a favore dell’intermediario finanziario a copertura dell’eventuale mancato rimborso da parte dei beneficiari degli importi anticipati nell’ambito di ciascuna linea di credito concessa.

Importi Linee di Credito

L’ammontare di ciascuna Linea di Credito deve essere compreso tra un importo minimo di € 10.000,00.= e max. € 1.500.000,00.=

Il tasso di interesse applicabile è pari ad un tasso base oltre ad un margine max. pari a 350 basis points.

Le domande di partecipazione potranno essere presentate a partire dal 29 gennaio 2015 e fino al 30 giugno 2016 fatto salvo la chiusura anticipata per l’esaurimento dei fondi disponibili.


MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - NUOVA SABATINI

BENEFICIARI

Le PMI aventi sede operativa in Italia e iscritte al Registro Imprese o nel Registro delle imprese di pesca. Possono presentare la domanda all’agevolazione anche le imprese estere, con sede in uno Stato Membro e che non hanno una sede operativa in Italia, purché in sede di trasmissione della dichiarazione attestante l’avvenuta ultimazione dell’investimento, l’impresa attesti altresì l’avvenuta attivazione all’interno del territorio nazionale della sede operativa presso la quale ha realizzato l’investimento e la conseguente iscrizione al Registro delle imprese di riferimento.

Sono escluse dall’agevolazione le imprese operanti nei settori:

- Industria carboniera;

- Attività finanziarie e assicurative (sezione K codice Ateco 2007);

- Fabbricazione di prodotti di imitazione o sostituzione del latte o dei prodotti lattiero - caseari;

- Attività connesse all’esportazione e per gli interventi subordinati all’impiego preferenziale di prodotti interni rispetto ai prodotti di importazione.


INTERVENTI AMMESSI

Sono finanziabili gli investimenti (anche mediante operazioni di leasing finanziario) in macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuovi di fabbrica ad uso produttivo, nonché investimenti in hardware, software e tecnologie digitali.

Gli investimenti ammissibili possono riguardare strutture produttive esistenti o da impiantare, da avviare successivamente alla richiesta di finanziamento e devono essere conclusi entro il periodo di preammortamento (o prelocazione) di massimo 12 mesi dalla stipula del finanziamento.


IMPORTI OPERAZIONE

Sono ammissibili investimenti di importo compresi tra un minimo di € 20.000 e un massimo di € 2.000.000.

AGEVOLAZIONE

L’intervento consiste in un contributo in conto interessi pari al tasso del 2,75% annuo per massimo 5 anni sull’intero importo finanziato. E’ possibile essere ammessi anche ai benefici del Fondo Centrale di Garanzia.

DURATA

I contributi saranno concessi fino ad esaurimento fondi.

L’erogazione del contributo è prevista al completamento dell’investimento ed è effettuata in quote annuali secondo il piano di erogazioni riportato nel provvedimento di concessione.


GARANZIE EUROFIDI e ITALIA COMFIDI

I due consorzi di garanzia sono annoverati tra i primi 5 consorzi italiani che prestano le loro garanzie a sostegno delle PMI richiedenti linee di credito sia breve che a medio termine al ceto bancario.

Le linee di credito garantibili sono, a semplice titolo informativo ma non esaustivo:

-          Apertura di credito in c/c

-          Anticipo su Contratti

-          Anticipo fatture Italia/Export

-          Smobilizzo RiBa/ Sbf

-          Mutui chirografari


GARANZIA

La garanzia concessa alla banca normalmente copre il 50% del credito concesso.

Il costo della garanzia è normalmente compreso tra 6.75% e il 10% a seconda dell’indice di rischio del cliente richiedente la garanzia (rating interno consorzio)
Torna ai contenuti